EmiliaCatering

HOMEMADE SICILIAN FOOD

Tel black small

07787 028466

Blog

Welcome to my blog

 

News and curiosities about Sicily and its food

By Emilia Attianese, Apr 18 2016 09:58PM

Arancina o Arancino


Da siciliana mi sono sempre chiesta da dove derivasse l’abitudine di dire arancina o arancino e vi voglio brevemente far conoscere la storia controversa della sua origine .Da sempre West Coast e East Coast della Sicilia si giocano la paternità degli arancini: a Ovest è arancina, a Est arancino.

Una diatriba lunga ed infinita : “Secondo il dizionario Siciliano-Italiano di Giuseppe Biundi del 1857, il nome viene da arancinu, che è innegabilmente masculazzu. Il commissario Montalbano ha sdoganato il maschile orientale (sebbene Camilleri sia dell’agrigentino, zona d’influenza palermitana), la Treccani rincara la dose attestandolo con la O finale.


A mettere il punto sulla sfida dell’ultima vocale tra Palermo, Catania e Messina interviene ora l’Accademia della Crusca, che si è messa in testa di trovare il sesso alla polpetta di riso. Fimmina o masculo allora?


FIMMINA O MASCULO


Secondo due dialettologi, il palermitano Roberto Sottile e il catanese Salvatore Trovato, si è ricostruita buona parte della storia.. Arancina con la A, alla maniera della West Coast, è forse percepito come più corretto “, ma è possibile considerare corrette entrambe le forme.


UNA SEMPLICE POLPETTA DI RISO E LA SUA ORIGINE


L’ingrediente protagonista e’ in ogni caso, il riso Originario, quello buono dal chicco piccolo e colloso cotto al dente, con l’aggiunta della famosa spezia rossa che e’ lo zafferano .


A Palermo lo zafferano e’ a volte latitante, mentre a Catania il giallo si vede ma non non sempre, dunque io personalmente lo metto, perche’ rinforza il gusto del riso con l’accoppiarsi del ripieno.. ma non mancano varianti fantasiose di arancine fatte con gli spaghetti o i bucatini. Il ripieno classico e’ il ragu’, a Catania si fa con pezzi di carne nel sugo, ma tuttavia oggi specialmente in Sicilia, ci sono farciture a base di pesce tipo salmone, pesce spada, gamberi o accoppiando vegetali a base di melanzane, carciofi, zucca, asparagi... Io amo fare l’arancina tradizionale con il ragu’ di carne e piselli o quella al burro farcita con prosciutto cotto e besciamella, alla Palermitana……….


In quanto all’origine c’entrano ancora una volta gli Arabi……..

Ma non è stata un’idea dell’emiro che voleva creare un timballo di riso. Non c’entra neanche il modo di mangiare degli arabi, che per abitudine rinsaldavano il mucchietto di riso messo sulla mano sinistra, univano spezie e pezzetti di carne, portando infine tutto alla bocca.

In realtà gli Arabi usavano chiamare tutte le polpettine con i nomi dei frutti, infatti l’arancina ricorda il frutto dell’arancia ,se si guarda anche alla sua forma, che e’ data principalmente dall’appallottolare una palletta di riso in una mano umida che poi va scavata con l’indice per creare la conca per il ripieno.


Se vogliamo distinguerli per la forma gli arancini sono quelli a punta nel catanese e le arancine quelle tonde preparate nel Palermitano. Io da Palermitana della West Coast penso che le "arancine” sono da considerarsi comunque un piatto versatile e creativo, da condiderarsi come finger food o squisito starter per un originale buffet !!




Ecco la ricetta di EmiliaCatering per l’ARANCINA SICILIANA:


RISO gr. 500

BURRO gr. 50

SALE gr.10 circa

ZAFFERANO

BESCIAMELLA

PANGRATTATO

PROSCIUTTO COTTO a dadini

MOZZARELLA (o altro formaggio) a dadini


Cuocere il riso assieme al burro ed allo zafferano in un litro di acqua che si dovrà assorbire quasi completamente. Cuocere molto al dente (max. 10 min.). Preparare a parte la besciamella.

Quando il riso si è raffreddato preparare le arancine. Con 500 gr. di riso vengono circa 8 arancine. Mescolare la besciamella con prosciutto e formaggio, che si saranno precedentemente tagliati in piccoli dadini.

Preparare la “lega” con acqua e farina (deve essere una miscela relativamente liquida). Passare le arancine nella lega e poi nella mollica ed infine friggere in olio vegetale a 180gradi.


By Emilia Attianese, Mar 19 2016 06:14PM

First of all, welcome to my new blog. I hope you will find interesting news and information about Sicily and its marvellous food!


I am starting today, which is St. Joseph, or San Giuseppe. In Italy, this is also Father's Day, and in Sicily the traditional dish is the SFINCE!


"Sfince" is impossible to translate, even into Italian! This is a sponge-like puff, filled with ricotta cream and guarnished with grated pistachios, candied fruit, chocolate chips. Its full name is "sfince di San Giuseppe", as it was once only prepared on the 19th of March. Today you can find it all year around in all bars in Palermo.


The recipe is not difficult, but the preparation requires frying each one of them for approx. 10 minutes, during which time the small ball of dough will grow and "pop-out", becoming up to four times the original size.


Do you want to know the recipe? Please, let me know!

RSS Feed

Web feed